Archeologia misteriosa                            


Tra le centinaia di ricerche archeologiche che l'ARS sta effettuando nelle valli del monregalese (Ellero, Maudagna, Corsaglia, Casotto, Tanaro) e delle quali si parla nella pagina dedicata all'archeologia, ve ne sono alcune avvolte da un alone di mistero, delle quali non siamo ancora riusciti a dare una spiegazione. Ne presentiamo qui le pi¨ interessanti, nella speranza che qualcuno possa fornire una chiave di interpretazione. (Presto saranno aggiunte a questa pagina altre curiositÓ).


Croce litica

Su una dorsale a quota 2100, lontano da ogni costruzione e da ogni sentiero, si trova il disegno di una croce regolare (lunghezza di ognuno dei 4 bracci: 18 metri), composto da massi di varie dimensioni (in media 50-80 cm.) interrati ed affioranti a filo del terreno. Questa croce Ŕ orientata esattamente sui punti cardinali, e il lato rivolto a nord termina con una freccia.

nella foto: l'estremitÓ del braccio nord (con freccia) >

Questo disegno Ŕ visibile da terra solo pochi metri per volta a causa della curvatura del terreno, e nei dintorni non esistono sommitÓ da cui poterne avere una visione globale. In seguito ad indagini svolte presso i margari frequentanti la zona, presso ex-partigiani, carabinieri, ecc. non siamo giunti ad alcuna spiegazione plausibile.


Campo celtico

Su un pianoro sovrastante una collina a quota 1000 circa, lontano da ogni centro abitato e da sentieri, esiste una strana serie di "costruzioni", composta da:

- un'ampia radura circolare (diametro 25-30 m.) delimitata in buona parte da tracce di un muretto esattamente circolare. Al centro della radura, perfettamente levigata e sgombra di massi (numerosi invece nella zona circostante) si trova un'area circolare rialzata del diametro di circa 5 metri al cui centro si erge un masso alto 2 metri, tipo un tozzo "menhir".
- muretti e fondamenta di costruzioni ricoperti di muschio, molto antichi, esattamente al limitare dell'area prima descritta.
- alcuni "tumuli" circolari in terra (diametro oltre 10 metri e alti 2-5) con tracce di un probabile ingresso laterale.
- sentieri scavati in profonditÓ (circa 2 metri) che si intrecciano sul versante rivolto a sud. Tipo alcuni "camminamenti" mimetizzati tipici dei celti.
- numerosi muretti (di sostegno?) su tutto il versante sud, concentrici alla punta della collina.

nella foto: il "menhir" centrale >


Lapidi misteriose

Questa lapide si trova attualmente murata sulla parete esterna di una abitazione, in un paese montano:

Questa pietra scolpita Ŕ situata sopra il trave di una porta di entrata presso una abitazione in un paese montano. Pietra grigia, dimensioni circa m. 1,20 x 0,40:


(vedi anche altre segnalazioni nella pagina dedicata alla Bisalta )